Stampa
Visite: 70

A decorrere dall’anno scolastico 2014-2015, è stato costituto un Nucleo di Autovalutazione (NAV), costituito dal referente Autovalutazione – GQ, dalla Funzione Strumentale di Coordinamento Didattico, dal Referente Prove Invalsi, da un Rappresentante dei Genitori, del personale ATA e degli Studenti.

Un nucleo ristretto alla sola componente docenti e dal Dirigente Scolastico ha svolto le seguenti attività operative:

- Compilazione del Questionario Invalsi

- Partecipazione alle attività di formazione a livello provinciale e regionale

- Analisi dei dati e del contesto e Stesura del rapporto di autovalutazione RAV, secondo il format ministeriale

- Identificazione delle priorità di intervento e degli obbiettivi strategici annuali per l’a.s. 2015/16

- definizione del format e somministrazione dei questionari studenti, docenti ed ATA e genitori e loro analisi statistica.

Il Dirigente Scolastico ha provveduto ad aggiornare il Collegio dei Docenti sul processo in atto nell’istituto e sui suoi esiti. Le priorità di azione, scaturite dal processo di autovalutazione, afferiscono all’area dei risultati scolastici e dei risultati nelle prove standardizzate nazionali (prove Invalsi) e comprendono:

• Riduzione della dispersione scolastica e Riduzione dell’insuccesso scolastico o riduzione degli abbandoni e passaggi ad altro istituto del 5% o riduzione delle non ammissioni alla classe successiva del 10%

• Innalzamento dei livelli medi nelle prove Invalsi di italiano e matematica e raggiungimento degli standard regionali e del nord-ovest. o aumento del punteggio medio di 7 punti nella prova di italiano o aumento del punteggio medio di 4 punti nella prova di matematica.

Tali priorità sono declinate nei seguenti obbiettivi di processo per l’a.s. 2015/16, afferenti alle diverse aree:

1) Curricolo, progettazione e valutazione - elaborare e condividere criteri di valutazione comuni per area disciplinare - elaborare almeno 1 unita’ didattica trasversale multi-disciplinare e/o verticale (ad ex. area legalità - cittadinanza attiva; area scientifica tecnologica)

2) Ambiente di apprendimento - incrementare l’uso delle ICT e nuove tecniche didattiche

3) Continuita’ ed orientamento - aumentare il numero di iscritti in prima del 7% - elaborare alcuni percorsi condivisi con docenti scuole medie (aree professionalizzanti e scientifiche o umanistiche)

4) Orientamento strategico e organizzazione della scuola - favorire la formazione di cattedre in verticale

5) Sviluppo e valorizzazione delle risorse umane - aumentare del 10% la partecipazione dei docenti ai corsi di formazione sulla didattica innovativa (ICT, CLIL, competenze)

6) Integrazione con il territorio e rapporti con le famiglie - migliorare la comunicazione con le famiglie attraverso l’uso del registro elettronico - favorire la costituzione di un comitato genitori -creazione del comitato tecnico-scientifico CTS